Il nuovo videoclip di Elisa parte da Vicenza

Elisa, la cantante friulana scoperta da Caterina Caselli al suo rientro dopo la maternità di fine novembre, ha girato il video del brano “Someone to love” a Vicenza grazie alla collaborazione e all’ospitalità di Vicenza Film Commission e del Comune di Vicenza, Assessorato allo sport che ha messo a disposizione la piastra dei Pomari (quella che avrebbe dovuto diventare un campo di pallavolo), il campo di baseball (dove però non c’è stato il tempo di entrare) e la pista da skate del Parco Fornaci.

La cantante impegnata nelle prove del nuovo tour a Conegliano voleva trovare una location non troppo lontana da lì e dunque i rappresentanti dell’agenzia incaricata guidata da Luca Legnani si sono messi alla ricerca di locations adatte allo storyboard a Treviso, Padova, Cittadella fino ad arrivare a Vicenza dove la bellissima pista da skate e l’assistenza subito accordata, seppur solo con qualche giorno di anticipo, hanno concretizzato il progetto.

Ho ricevuto la mail dell’amico Decimo Poloniato dell’Ufficio Cinema e Film Commission regionale solo giovedì 1° aprile” – spiega Vladimiro Riva di Vicenza Film Commission – proprio alla vigilia di Pasqua, ma ci siamo subito attivati incontrando, fortunatamente,  la disponibilità del Comune attraverso gli uffici dello sport e quella del nostro personale che si è messo a disposizione”.

Le riprese sono state effettuate solo pochi giorni dopo, sabato 10 ottobre e complice una bellissima giornata di sole, tutto si è svolto nel migliore dei modi seppur con i normali inconvenienti legati soprattutto alla tempistica preventivata.

Leggi tutto: Il nuovo videoclip di Elisa parte da Vicenza

Hollywood approda a Cittadella

A Los Angeles, capitale mondiale dell’intrattenimento, è nata ITAL.A. la prima Televisione di Lingua Italiana sul Web (www.italatv.com). Con il Patrocinio di tutte le Istituzioni collegate alla Comunità Italiana: Consolato, IACCW Istituto di Cultura Italiano di Los Angeles, The Italy-America Chamber of Commerce West, Com.It.Es, Fondazione Italia, N.I.A.F., Sons of Italy e altre, questo canale televisivo si propone di diventare un importante punto di riferimento per l’informazione, l’intrattenimento, la cultura, l’arte, la storia, la lingua e le tradizioni italiane negli Stati Uniti e nel mondo. ITAL.A ha sede ad Hollywood, centro delle attività di intrattenimento di tutto il mondo, dove hanno sede le più importanti Majors del cinema, della televisione, dell’informazione. Oltre che a Los Angeles, ITAL.A. si propone di produrre anche a New York, da sempre capitale della presenza italiana negli Stati Uniti.

La Direzione Italia è a cura del regista cittadellese Rocco Cosentino, che ne è anche produttore esecutivo. “E’ un evento di portata storica” dice Cosentino. “Milioni di persone potranno, in tempo reale, collegarsi in web e poter vedere tutto ciò che accade i Italia e in America. Evidentemente il 90% della produzione dei programmi sarà realizzato sul territorio italiano. Importanti attori hanno già abbracciato il progetto, mentre per la parte americana, attori come Ronn Moss (Ridge di Beautiful) descrivono il progetto come innovativo. Oltre a ciò una ulteriore ed importante possibilità professionali per le figure (attori, tecnici, giornalisti, etc,) presenti nel territorio veneto. ”

Gestita dalla Sweet Dreams LLC, in collaborazione con la italiana IN-Video production, ITAL.A. sta realizzando un palinsesto di programmi prodotti negli Stati Uniti ed in Italia. L’Informazione: notizie da Los Angeles e dagli Stati uniti. La Cultura: mostre ed eventi dall’Italia e dagli Stati Uniti. La Storia e L’Arte: documentari e reportage sulle città d’arte italiane. La Tradizione: Programmi di cucina, artigianato e reportage sulle tante attività nelle quali gli italiani eccellono nel mondo.

Si sta concretizzando anche il nuovo progetto cinematografico del regista Cosentino, in co-produzione con la casa hollywoodiana che verrà girato in Veneto tra Vicenza, Venezia e Padova dal titolo “La Chiave di Ferro” che si prefigge di esaltare una volta di più gli importanti siti storici e monumentali del territorio. Il film verrà inoltre messo in onda su ITAL.A.

Da una regione come il Veneto, che annovera fra i suoi abitanti un elevatissimo numero di emigranti, partiranno trasmissioni e redazionali specificatamente legati al territorio e alla cultura veneta. Dice Cosentino: “Abbiamo realizzato, unitamente ad un mensile di annunci di Cittadella, una rubrica che si chiamerà appunto “Annunci d’Italia”. Chiunque potrà registrare presso di noi, gratuitamente, un video-annuncio che sarà messo in onda. Ciò consentirà di salutare un parente lontano, cercare un amico lontano o scambiare informazioni professionali e di studio.”

ITAL.A. si farà promotrice di eventi di cultura, informazione e spettacolo che verranno organizzati a Los Angeles, New York ed altre importanti località degli Stati Uniti d’America. Importante attività sarà quella di Televisione di Servizio che darà spazio a tutte le realtà collegate alle Istituzioni, Associazioni e Fondazioni che operano per le comunità di lingua italiana negli Stati Uniti d’America con un auspicabile incremento del turismo americano ed internazionale presso quei Comuni, Province e Regioni che aderiranno a questo interessante progetto mediatico.

Fondo regionale per il cinema e l'audiovisivo - Anno 2010

Approvazione del Regolamento e del Bando per l’assegnazione del Fondo regionale per il cinema e l’audiovisivo. Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 25 art. 19.

La Regione Veneto istituisce un Fondo a sostegno della produzione cinematografica e audiovisiva quale strumento in grado di esercitare una efficace azione di attrazione nel territorio regionale delle produzioni cinematografiche nazionali ed internazionali e di sostegno allo sviluppo dell’industria cinematografica e audiovisiva con sede nel Veneto.

Un Regolamento stabilisce le modalità e i criteri per l’assegnazione del suddetto Fondo regionale per il cinema e l’audiovisivo, e del relativo Bando per la presentazione delle domande.

Le istanze di accesso al Fondo per l’anno in corso e in fase di prima applicazione dovranno pervenire alla Regione, pena l’inammissibilità, entro il termine di 30 giorni dalla data di pubblicazione del presente provvedimento nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto (ovvero entro il 26 aprile 2010) secondo le modalità previste nell’anzidetto Bando (Allegato B).
Va precisato che non farà fede il timbro dell’ufficio postale di spedizione.
Per l’anno in corso, valutate le ricadute economiche che le produzioni cinematografiche hanno nel territorio e considerato il budget disponibile, si ritiene di destinare la somma di € 600.000,00 per il sostegno alla produzione e di € 70.000,00 per lo sviluppo dell’industria cinematografica e audiovisiva con sede in Veneto.

Documenti scaricabili:

- Deliberazione della giunta regionale: DGR_708_15032010.pdf

- Regolamento (allegato A): DGR_708_15-03-2010_AllegatoA.pdf

- Bando (allegato B): DGR_708_15-03-2010_AllegatoB.pdf

Per ulteriori approfondimenti:

http://www.regione.veneto.it/Bandi+Avvisi+Concorsi/Bandi/Fondo+Regionale+Cinema+e+Audiovisivo.htm

Lo “schiaffo” di Ceron, violenza e cambiamento

IL GIORNALE DI VICENZA

Venerdì 19 Marzo 2010

CINEMA. Il corto di cinque minuti firmato dal regista vicentino sarà presentato al festival di Venezia di fine estate. Sei bambini protagonisti

Lo “schiaffo” di Ceron, violenza e cambiamento

«Contento di aver girato qui - dice il regista - splendide le location»

Sara Marangon
VICENZA
L’origamo di una colomba gialla, simbolo della pace. È questo l’oggetto che unisce le due storie de “Il mio primo schiaffo”. Due vite parallele, quelle raccontate dal regista vicentino Corrado Ceron, entrambe contraddistinte dalla violenza, ma anche dalla possibilità di cambiare. Il cortometraggio, della durata di circa 5 minuti, si divide tra un ambiente interno, una casa dove abita una coppia qualsiasi, e uno esterno, uno spazio di campagna dove un gruppo di bambini è intento a giocare. E se l’abitazione nasconde episodi di violenza reiterata tra marito (Giuseppe Li Vecchi, attore di Rai Fiction) e moglie (Miriam Marini), anche tra i ragazzini il germe della violenza inizia ad attecchire.
L’episodio scatenante è il bacio sulla guancia che Andrea Sperotto riceve dal Iulia Pavel mentre sta trasformato un foglio di carta in una colomba con la tecnica dell’origamo. Il gesto d’affetto non viene però digerito dal “bullo” Alberto Moresco che durante un gioco decide di punire l’amichetta con uno schiaffo, salvo poi rinchiuderla in un granaio. Sarà Andrea a liberarla, spalancando non solo le porte della “prigione”, ma anche quelle della speranza. Così, la colomba che era stata consegnata a Iulia, finisce tra le mani di Miriam Marini, ma il corto non svela se si tratti della giovane ragazzina diventata adulta o della madre della giovane attrice di Schio.
«Vedendo il corto c’è una domanda che resta sospesa: è possibile cambiare il destino?» si chiede il regista di Nanto, Corrado Ceron che per l’occasione ha coordinato un team di 7 tecnici e 8 attori. «Sono contento di aver girato “Il mio primo schiaffo” a Vicenza: è un territorio ancora vergine, ma che offre splendide location. Inoltre era la prima volta che mi trovavo a lavorare con dei ragazzini e devo dire che mi hanno stupito in positivo: si sono presentati alle riprese già con il copione imparato a memoria e non si sono mai lamentati del freddo di fine novembre che ha messo tutto il cast a dura prova».
I sei bambini protagonisti, lanciati da Alessandro e Mira Pozzato (selezionatori del cast), hanno tutti l’intenzione di proseguire la carriera cinematografica. Per il momento, però, i giovani talenti saranno impegnati con Ceron alla promozione del cortometraggio che, con la vittoria del concorso internazionale “Action for woman” (indetto dall’Istituto Luce di Cinecittà e promosso dalla camera dei Deputati, dal Consiglio d’Europa e da You Tube) ha strappato di diritto un biglietto per la 67° edizione della Mostra del Cinema di Venezia (dove parteciperà fuori concorso). Infine “Il mio primo schiaffo” sarà presente al Festival internazionale di Treviso “Ciak ! Junior”; tutto questo, però, senza dimenticare le sue radici.
Il corto di Ceron, infatti, era stato presentato in anteprima alla prima edizione del festival “Cinema d’Arte Provincia di Vicenza”, ideato da Mira Pizzato e Piergiorgio Piccoli con il sostegno dell’assessore provinciale alle Politiche giovanili, Andrea Pellizzari. Per questo, come annunciato ieri durante un incontro a palazzo Nievo con regista e protagonisti, venerdì 26 alle 20, “Il mio primo schiaffo” sarà proiettato anche al teatro di Thiene.

Film nel Veneto, fondi per le Commissioni

IL GIORNALE DI VICENZA

Mercoledì 17 Marzo 2010

VENEZIA. Le strutture provinciali si federano

Film nel Veneto, fondi per le Commissioni

«Un vivo apprezzamento per l’approvazione, da parte della Giunta Regionale - dice una nota di Vladimiro Riva, di Vicenza Film Commission - della deliberazione con la quale vengono definiti modalità e criteri per l’assegnazione del fondo regionale per il cinema e l’audiovisivo, che ammonta a 700 mila euro per il 2010, di cui alla legge regionale 9 ottobre 2009 n. 25, che prende atto della presenza delle film commission a livello locale. Si tratta di un percorso iniziato nel luglio 2005 con la costituzione del gruppo di lavoro voluto dalla Giunta per legiferare a livello di film commission e di cui ho fatto parte con VenetoCinemaPro».
«Ora aspettiamo il bando, con l’auspicio che i risultati possano arrivare quanto prima, magari prima dell’estate prossima. Proprio ieri si sono riunite a Rovigo le film commission di Padova, Verona, Polesine e Vicenza che hanno deciso di dare vita ad un coordinamento delle film commission del Veneto per riprendere la realizzazione di strumenti importanti quali la location guide e la production guide, oltre a quella degli attori, a suo tempo volute da Veneto film commission, l’ufficio regionale competente per coordinare e governare il settore».

Cerca nel sito

Dove siamo

MappaVicenzaItalia-small

Traduttore automatico

itfrdehiptrues