Steven Spielberg cerca un bambino italiano per il nuovo film

Dreamworks
Per il nuovo film di Steven Spielberg si cerca URGENTEMENTE per il ruolo del piccolo protagonista, "EDGARDO MORTARA", un bambino italiano di 6-8/9 massimo di età che parli inglese a livello madrelingua o quasi. Il film sarà interamente girato in italia.
Potete inviare foto e video del candidato, indicando NOME E COGNOME su ogni file; poi a parte, data e luogo di nascita, nome e recapito del genitore. Per le foto servono immagini chiare con almeno una figura intera e un primo piano; per il video invece, potete chiedere al bambino di fare un'IMPROVVISAZIONE IN INGLESE. Il filmato si può aprire con la figura intera del bambino che cammina e si gira su se stesso, poi potete stringere l'inquadratura fino ad avere un primo piano e farlo parlare per un massimo di due 2 minuti di ciò che più gli piace e lo appassiona, ciò che più sinceramente lo affascina e che non smetterebbe di parlarne per ore. Più entra nei dettagli più originale sarà l'intervista.
Potete inviare il video caricandolo direttamente su questo link: https://www.e-talenta.eu/fileupload/casting/edgardo-mortara
(non dimenticando di nominare il file con NOME e COGNOME del bambino) e poi scrivere un’email con nome e cognome, data e luogo di nascita del fanciullo, più nomi e recapito completo dei genitori all’indirizzo e-mail: assistant@fbicasting.it entro lunedì 23 gennaio 2017.
IMPORTANTE: Si prega di astenersi dal proporre bambini che non corrisponda esattamente alle caratteristiche descritte, ovvero bambino italiano (maschio) che parli inglese a livello madrelingua o quasi, di età compresa fra i 6 e 8/9 anni di età. In questa fase non verranno prese in considerazione candidature diverse. Grazie mille!

“Di Padre in Figlia”: al Roma Fiction Fest l'anteprima della fiction ambientata a Bassano del Grappa

 

 

'Di padre in figlia', la lunga strada dell'emancipazione femminile

di SILVIA FUMAROLA  - LA REPUBBLICA.IT

In un arco di tempo che va dal 1958 ai primi anni Ottanta, 'Di padre in figlia' di Riccardo Milani (ad aprile si Raiuno) racconta la storia di una famiglia patriarcale in cui il potere della figura paterna viene sostituita dalle tre figlie e dalla madre. Nel cast Stefania Rocca, Cristiana Capotondi e Matilde Gioli


Una saga familiare al femminile che racconta la lunga marcia verso l’emancipazione, con un padre padrone re della grappa che sogna il figlio maschio. C’è la provincia, con i suoi riti e le sue ipocrisie, ma è soprattutto un omaggio al coraggio e alla sensibilità delle donne Di padre in figlia la serie in quattro puntate diretta da Riccardo Milani presentata in concorso al Roma fiction fest (andrà in onda su RaiUno ad aprile). Nata da un’idea di Cristina Comencini, ambientata a Bassano del Grappa, racconta la storia della famiglia Franza dalla fine degli anni 50: il padre Giovanni (Alessio Boni), rozzo, insensibile, determinato nel lavoro, a suo modo un visionario nell’immaginare le potenzialità della sua distilleria, sposato con Stefania Rocca, ignora le figlie Cristiana Capotondi e Matilde Gioli, per dedicarsi solo al lavoro e al figlio maschio.

Mix tra costume e melò, questa 'Meglio gioventù' dal punto di vista delle donne, segue le battaglie combattute in casa e fuori per i diritti civili. La scena iniziale è spiazzante e potente: Rocca, incinta, va a cercare il marito nel bordello dove incontra l’amante e minaccia di partorire lì se non torna a casa. Ma anni dopo sarà proprio la prostituta (Francesca Cavallin) che l’uomo frequentava, a diventare la sua migliore alleata. Il 68 bussa alle porte quando la figlia maggiore Maria Teresa (Capotondi) va a iscriversi, contro il volere del padre, all’Università a Padova (le immagini in bianco e nero delle contestazioni sulle note della Canzone del Maggio di De André si mescolano alla fiction) "perché nella serie entra la Storia" spiega Riccardo Milani "e senti la responsabilità quando racconti le battaglie femministe per i diritti civili, la legge sul divorzio, sull’aborto". La figlia minore, Gioli, resta incinta e la madre non vuole che segua le sue orme e si sposi senza amore. "Tieni il bambino – le dice - lo cresceremo noi in questa casa, tutti insieme, ma non ti sposare". Nel cast Denis Fasolo, Domenico Diele, Alessandro Roja, Demetra Bellina, Roberto Gudese.

Scritta da Giulia Calenda con Francesca Marciano e Valia Santella, prodotta da Angelo Barbagallo e RaiFiction, Di padre in figlia indaga sui legami tra sorelle, sulla solidarietà ma anche l’invidia, le gelosie. "Avevamo precedenti illustri come La meglio gioventù" spiega Marciano "ma il nostro romanzo è dal punto di vista femminile. Le sorelle nel nostro racconto sono molto diverse tra loro, hanno un approccio personale sulle cose, mi è venuto da pensare un po’ a Piccole donne, in cui tutte ci siamo identificate in Jo. Nella serie il contrasto è tra Elena (Gioli) che punta la propria sicurezza sulla bellezza, sul suo essere seduttiva e Maria Teresa (Capotondi), che cerca l’attenzione del padre per tutta la vita perché le riconosca la sua intelligenza senza riuscire a vederla fino alla fine. Con gli anni Elena capirà che la sua non è stata una vita vincente. Un altro aspetto che ci interessava era rappresentare un matrimonio infelice, senza amore, un percorso esistenziale tormentato. La Storia ha cambiato la vita delle nostre madri, delle nostre sorelle più grandi, ma quelli che davvero contano sono i cambiamenti interiori".

Ideata da Comencini, firmata da tre donne, questa saga che svela l’ipocrisia della provincia del nord est (come fece Pietro Germi in Signore & signori), è un romanzo dell’Italia dal 58 agli anni 80 "con risvolti sorprendenti e moderni: la prostituta che vuole saldare il suo debito e restituisce i soldi a Stefania Rocca “perché così siamo pari”, la madre che invita la figlia a crescere un figlio da sola pur di non condannarla a un matrimonio deludente" osserva Marciano. Se ci fosse stato un uomo tra gli autori, cosa avrebbe cambiato? "Un uomo avrebbe sicuramente protestato" sorride la sceneggiatrice "perché il personaggio di Giovanna Franza è troppo ignorante, troppo negativo.

Fonte: http://www.repubblica.it/

Master in Sceneggiatura Carlo Mazzacurati: Dalle parole al set

Venerdì è Open Master!
2 dicembre, Cinema MultiAstra (Padova, via Tiziano Aspetti 21) - ore 15.30

Perché una storia viene scelta da una casa di produzione e avviata alla sua realizzazione? qual è il ruolo delle Film Commission? quali sono i finanziamenti pubblici all’impresa culturale?

Il Master in Sceneggiatura Carlo Mazzacurati organizza una giornata aperta dal titolo "Dalle parole al set": un dialogo con produttori e realtà dell'impresa creativa. Nel corso dell'iniziativa gli studenti del Master presenteranno i loro lavori.

Saranno presenti i produttori cinematografici e televisivi
ANGELO BARBAGALLO,
FRANCESCO BONSEMBIANTE,
CECILIA VALMARANA

Interverranno
Fabrizio Borin (Università di Venezia), MATTADOR-Premio internazionale di Sceneggiatura
Luca Ferrario, Trentino Film Commission
Fabio Menin, Direzione Formazione e Istruzione Regione Veneto
Decimo Poloniato, Direzione Beni e Attività Culturali, Regione Veneto

 

 

Cerca nel sito

Dove siamo

MappaVicenzaItalia-small

Traduttore automatico

itfrdehiptrues

Chi è online

Abbiamo 27 visitatori e nessun utente online

vicenza-e-cuore-del-veneto

vicenza-patrimonio-unesco

Visita www.vicenzae.org,
il portale turistico di Vicenza
e della sua provincia.

Contattaci

Consorzio Turistico Vicenza è
Via Montale 25, 36100 Vicenza - Italy

Telefono: +39 0444 99 47 70
Fax: +39 0444 99 47 79

Web: www.vicenzafilmcommission.com

Pagina Facebook